10 COSE CHE FORSE NON SAPETE SUL ST. PATRICK’S DAY!

Ciao amici gipsy!

Come state? Purtroppo è ormai da un mesetto che non ci aggiorniamo, e me ne scuso moltissimo. Fra gli impegni lavorativi e i viaggetti qua e là, di tempo (e di WiFi mentre ero all’estero!) ne ho avuto veramente poco.

Infatti, come ben saprà chi di voi mi segue sempre (e con tantissimo affetto quindi grazie mille!), sono stata… In Egitto! Ebbene sì, nella terra dei Faraoni e si è trattata veramente di un’avventura più che speciale.

Promesso, promesso, ve ne parlerò presto anche qui. Nel frattempo, però, vi dico che ne sto scrivendo e ne ho scritto per il TTG Giornale. 

Non appena il tutto verrà pubblicato, ovviamente, sarà mia premura condividerne con voi ogni dettaglio. Come sempre, infatti, pubblicherò l’articolo anche online e spero anche stavolta saprà coinvolgervi a tal punto… Da invogliarvi a partire per l’Egitto immediatamente!

A proposito di condivisioni, però… Avete già notato la nuova pagina PRESS del mio Blog?

PRESS è nata soltanto ieri, ma spero abbiate già avuto modo di darle un occhio. Proprio lì pubblicherò d’ora in poi tutti gli articoli che ogni giorno scrivo altrove, affinché anche la mia grande passione per questo lavoro renda Podere Madonnina e claudiacabrini.com un portale sempre più attivo e dove voi, la mia big family, possiate anche aggiornarvi in modo facile e veloce su lifestyle, musica e spettacolo, cinema e tv, oltre che, ovviamente, su turismo e viaggi!

 

Ma torniamo allo svelarvi l’argomento di oggi. Si tratta di una nazione che io amo moltissimo: l’Irlanda! Come vi ho già raccontato più volte, infatti, la mia prima esperienza da Couchsurfer è stata proprio a Dublino, dove sono stata ospitata da una famiglia incredibile che in poche ore si è affezionata a me quasi fossi per loro una “nuova figlia” molto italiana. E proprio da Dublino è nata e cresciuta sempre più anche la mia passione per i viaggi in solitaria, ossia l’idea del viaggiar da soli, senza meta né troppi vestiti o soldi nello zaino.

Chi conosce l’Irlanda un po’ più da vicino forse avrà già capito… Oggi infatti è il 14 Marzo, il che significa che mancano meno di 72 ore alla festa più Irlandese di tutte: il St. Patrick’s Day, in Italia meglio conosciuto come la Festa di San Patrizio!

Ma, siete sicuri a tal proposito di saper proprio tutto tutto? Beh, leggete un po’ qui cosa ho scoperto in merito…

San Patrizio è il Santo Patrono dell’Irlanda, e come già saprete viene festeggiato ogni anno il 17 di Marzo, fra 3 giorni esatti.

Le leggende nate attorno a questo santo-mito sono veramente tantissime, infatti proprio per questo non si è mai storicamente capito quali siano vere e quali no, e anche per questo non si è certi di quale sia stata la sua vita vera. Quel che però si sa con certezza, è che nacque indicativamente tra il 385 e il 392 d.C in un luogo chiamato Kilpatrick.

Prima curiosità: San Patrizio fu uno dei primi Santi migranti della storia!

Dopo aver appreso la lingua gaelica e le pratiche dei druidi, Patrizio scappò ma a piedi, e dopo oltre 184 miglia riuscì ad imbarcarsi su di una nave diretta in Inghilterra.

Secondo gli stessi manoscritti firmati dal Santo, parrebbe che proprio in sogno Patrizio fu spinto a cristianizzare l’Irlanda. Anche per questo motivo si trasferì in Francia preparandosi al sacerdozio, migrando tra vari monasteri.

Nel 432 Papa Celestino lo battezzò, e da quel momento il nome di Patrizio prese anche il suo significato latino “pater civium“, ossia “padre del suo popolo“.

Al giorno d’oggi, il St. Patrick’s Day viene festeggiato in tutto il mondo e sono in particolar modo due i segni caratteristici di questa festa: anzitutto… Il verde! E poi, ovviamente… la birra buona!

 

Ma, lo sapevate che…

  1. Come scritto sopra, San Patrizio non nacque in Irlanda ma nel villaggio contadino di Kilpatrick, che si trova in… SCOZIA
  2. San Patrizio ad oggi è da tutti conosciuto come il patrono d’Irlanda ma non è soltanto il popolo Irlandese ad affidarsi a questo Santo. Infatti, San Patrizio è anche il patrono della Nigeria, che fu evangelizzata dai missionari irlandesi

  3. Qualche riga sopra vi ho scritto che uno dei più cari segni distintivi della festa del St. Patrick’s Day è il colore verde. Ma, lo sapevate che inizialmente il colore simbolico di San Patrizio era… Il BLU?
  4. Negli Stati Uniti il giorno di San Patrizio sì, si festeggia eccome! In particolar modo lo festeggiano i bambini. Per tradizione, si possono fare scherzetti soltanto a quelli che in quel giorno… Non abbiano addosso nulla di colore verde!
  5. Per festeggiare il 17 Marzo gli Irlandesi, ma non solo, amano brindare alla vita con tanti… “Cheers!” alcolici. Per l’occasione, sono moltissime le bevande di color verde servite nei pub, oppure le birre delle marche più disparate e conosciute dipinte di verde con l’ausilio di qualche ingrediente aggiunto o colorante alimentare.
  6. La primissima parata di San Patrizio non fu celebrata in Irlanda ma sempre negli States, e più precisamente a Boston nel “lontano” 1737
  7. Di ritorno da Dublino la mia coinquilina Valentina mi ha regalato una cartolina che racconta un po’ di leggende made in Ireland. In particolar modo, augura fortuna! Infatti, sì, anche grazie a questo piccolo regalo ho scoperto che siano tre le cose che portano fortuna tutto l’anno, ma soprattutto il 17 di Marzo:
    – trovare un trifoglio (doppia fortuna se trovate invece un quadrifoglio!)
    – vestirsi ovviamente di verde
    spedire una cartolina! 
    Ma voi lo sapevate? Io ho la passione di spedir cartoline agli amici in giro per il mondo durante tutti i miei viaggi, quindi alla prossima non mancherò di ricordarglielo: “Amici cari, oltre al mio affetto vi spedisco anche… Tantissima fortuna, e tanti baci!”
  8. Evviva l’America e soprattutto quando si inventa cose tanto divertenti! Sempre in occasione del St. Patrick’s Day infatti, alcune metropoli degli Stati Uniti hanno ben pensato di sostituire alcuni cartelli stradali dipingendoli di verde, e pare abbiano dipinto di verde anche tutte le strisce pedonali nei centri delle varie città!
  9. Altra cosa che porta molto fortuna nel giorno di San Patrizio ma non solo: baciare la Blarney Stone. Di cosa stiamo parlando? Di un’altra leggenda Irlandese, ovviamente. La Blarney Stone è la Pietra del Blarney Castle, che promette forza espressiva a chiunque la baci. Si trova a dieci chilometri dalla città irlandese di Cork, nella regione meridionale del Munster. Nel caso non possiate finire fino a Cork il 17 Marzo? Beh, baciate un Irlandese! Oppure un ragazzo o una ragazza dai capelli rossi. Fortuna (e amore?) assicurata!
  10. Nel 1962 iniziò (indovinate dove? Bravi, sempre in America!) anche la tradizione di dipingere… Un intero fiume di verde! Per la prima volta accadde a Chicago, e pari accadde inizialmente quasi senza volerlo. Gli addetti al controllo dell’inquinamento in città, infatti, quel giorno versarono nel fiume che attraversa Chicago una tinta volta a combattere la tossicità delle acque. La tinta però… Era verde e venne presa dai cittadini come un’ulteriore manifestazione di festa! Da quella volta dunque, la si replicò ogni anno.

 

Spero queste curiosità vi siano piaciute, e spero anche vi abbiano divertito tanto! Io ci ho un po’ riso su e ammetto anche mi sia divertita nel ricercarle in rete. Dopotutto, ho scoperto cose nuove che inizialmente anche io non sapevo, e ho capito un po’ di più di questa festa insieme a voi!

Come ho già annunciato sui miei Social, fra meno di 48 ore prenderò nuovamente l’aereo. Ma dove volerò esattamente? Posso soltanto dirvi si tratti di un posto da sogno, di quelli che ti chiedi se davvero esistano sulla terra o se invece siano solo immaginari, stile paradiso! Beh, manca poco e lo scoprirò anche io.

Prima, però, festeggerò il St. Patrick’s Day anche io! Domani sera infatti parteciperò ad un ricevimento in onore della Festa di San Patrizio organizzata dal Governo Irlandese a Milano.

Seguitemi e vivetevi la festa di San Patrizio insieme a me! 

E ricordatevi di commentare qui sotto, e di farmi sapere come festeggerete il 17 di Marzo anche voi!

 

Annunci