Halloween: 5 luoghi spettrali da vedere a Milano

Halloween.jpg

Ognuno di noi è una luna ed ha un lato oscuro che non mostra mai a nessuno – Mark Twain

Oggi è il 31 ottobre e fra qualche ora inizieranno i festeggiamenti in occasione di una delle notti più mostruose di sempre. Dopotutto, Halloween è la notte più magica e paurosa dell’anno. Quella che Stephen King definisce “l’unico giorno in cui ci si ricorda che viviamo in un piccolo angolo di luce circondati dall’oscurità”, ma anche quella durante la quale le streghe, gli gnomi, i folletti e anche gli zombie escono allo scoperto, per non dimenticare i gatti neri, ma anche i pipistrelli e le zucche svuotate al cui interno vediamo brillare una candela.

La festa di Halloween nasce da un rito pagano secondo il quale, la notte del 31 ottobre, le anime dei morti tornerebbero sulla terra. Dopotutto, in inglese Halloween deriva proprio dalle parole Eve, ossia Vigilia e All Hallows, ossia Ognissanti e, di fatto, tradotto letteralmente non starebbe ad indicare altro che La viglia di Ognissanti.

Per chi ancora non dovesse saperlo, è proprio in ricorrenza di questa festività che si usa mascherarsi, e solitamente per fare paura. Il significato più originale del travestimento starebbe ad indicare un vero e proprio inganno per le anime dei morti, che tornando in terra non riuscirebbero così a riconoscerci e ad impossessarsi del nostro corpo. Negli Stati Uniti, ma ad oggi anche in tanti altri paesi del mondo, sono i più piccoli i principali protagonisti del tutto. Li vediamo girare mascherati bussando alle porte del vicinato: “Treats or tricks?”, “Dolcetto o scherzetto?”, chiedono ridendo, approfittando della bontà dei vicini, che offrono loro dolcetti e cioccolata.

E se tra i grandi in molti preferiscono passare il 31 ottobre in discoteca, accontentandosi di un semplice party a tema, è ai più curiosi che ci rivolgiamo oggi, in particolar modo a tutti coloro che, tra castelli infestati ed escape room da brivido, non si accontentano di qualche trucco e di un pizzico di fantasia ma preferiscono fondere la paura con… La realtà.

Ebbene, anche a Milano esistono cinque luoghi terribili da visitare per Halloweenper passare una giornata decisamente particolare. Le leggende metropolitane si mischieranno con i vostri incubi peggiori, e il gotico riuscirà a sorprendervi stupendo anche i cuori più coraggiosi. Siete pronti? Incominciamo.

Halloween: 5 luoghi spettrali da vedere a Milano

 

Il Duomo

Duomo Milano.jpg

Ci avevate mai pensato? Anche il Duomo di Milano rientra tra i cinque perfetti spot da visitare per Halloween. Eccovi spiegato il perché…

Ci avevate mai pensato? Il Duomo di Milano è in realtà il luogo perfetto da visitare per Halloween. Una leggenda narra infatti che nel lontano 1380 sia stato proprio il demonio a tormentare il sonno di Gian Galeazzo Visconti, apparendogli in sogno ogni notte e facendolo impazzire per diversi mesi consecutivi.

Sempre secondo la leggenda, le continue apparizioni del demonio convinsero Visconti a desiderare fortemente che il Duomo venisse costruito come tempio di devozione agli inferi. Il diavolo in persona gli avrebbe ordinato di edificare il Duomo di Milano, costringendolo ad inserire centinaia di iconografie del demonio sulla sua facciata. Che la leggenda sia vera oppure no, non ci è dato saperlo. Io, però, vi invito a dilettarvi in un’attenta osservazione della facciata del Duomo meneghino e a farmi sapere cosa riuscirete a notare. I più scrupolosi sostengono che di piccole statue del diavolo, solo sulla facciata del Duomo, se ne rintraccino quasi un centinaio.

Repubblica - Milano.jpg

Qualche anno fa, il giornale Repubblica ha dimostrato che di piccoli diavoli sulla facciata del Duomo ne siano stati inseriti ben 96, sotto forma di serpenti, draghi, mostri dall’aspetto terrificante o creature demoniache

Via Bagnera

Via Bagnera.jpg

La storia del killer di Via Bagnera la conoscete?

Stiamo parlando di un vicoletto all’apparenza più che insignificante, perpendicolare a Via Torino, una delle principali vie dello shopping a due passi dal Duomo di Milano, nel pieno centro della città.

Anche Via Bagnera è però conosciuta come una via decisamente… spettrale. Una leggenda narra che sia stata costruita così stretta da non farci passare nemmeno una carrozza per permettere al Mostro di Milano di uccidere le sue vittime senza che nessuno potesse interromperlo né sentirne le grida.

Si chiamava Antonio Boggia ed è stato il primo vero e sanguinosissimo serial killer d’Europa, anche definito dagli esperti il “Jack Lo Squartatore italiano”.

Antonio Boggia.jpg

Questo qui sopra è il ritratto a matita di Antonio Boggia, il killer di Via Bagnera. Nacque nel 1799 a Urno, sul lago di Como. Uccise una donna murandola viva nel suo appartamento, a Milano. Dopo varie segnalazioni da parte dei suoi vicini, le forze dell’ordine gli perquisirono la casa scoprendo così che Boggia avesse già ucciso anche altri due uomini. L’ultimo omicidio che commise avvenne nel 1851. Uccise un suo conoscente con un’ascia e lo fece a pezzi. Nel 1862 Antonio Boggia venne condannato a morte

La Basilica di San Eustorgio 

Basilica di San Eustorgio.jpg

La Basilica di San Eustorgio dall’esterno, in uno splendido giorno di sole

Uno dei miei luoghi milanesi del cuore sorge a pochi passi dai più rinomati Navigli, da un filare di alberi di ciliegio e giusto al fianco di una delle pasticcerie americane più famose della città. Sto parlando della Basilica di San Eustorgio, che tuttavia scopro soltanto ora essere anche il perfetto luogo spettrale da visitare per Halloween a Milano.

All’interno della Basilica sappiamo essere conservati alcuni resti dei Re Magi, oltre che svariate decorazioni e affreschi millenari dalla riuscita strepitosa. Se però starete ben attenti, vi accorgerete da voi che in alcuni di questi affreschi venga ritratto un Bambin Gesù molto particolare. A cosa mi sto riferendo? Ad un Gesù adornato da una lunga coda appuntita e da due corna da demonio.

Il reale motivo per il quale Gesù sia stato raffigurato in quel modo non è mai stato svelato. Si suol dire che sia proprio quello uno dei tanti misteri irrisolti di una Milano veramente spettrale.

San Eustorgio.jpg

Un dettaglio di un affresco conservato all’interno della Basilica di San Eustorgio. In questo particolare notiamo che le corna da demonio non siano state poste soltanto in testa a Gesù, ma anche sul capo di Maria

La Basilica di Sant’Ambrogio

Sant'Ambrogio.jpg

Per chi ancora non la conoscesse, questa è la splendida Basilica di Sant’Ambrogio a Milano. Perché è perfetta per Halloween? Ora ve lo spiego…

Sant’Ambrogio è il patrono di Milano, e anche per questo la sua Basilica è forse una delle più belle in città. Tuttavia, anche questa è una Basilica molto più misteriosa di quanto si possa pensare, ed è proprio per questo che rientra perfettamente tra i cinque luoghi più spettrali da visitare a Milano per un Halloween decisamente particolare.

La Basilica di Sant’Ambrogio rientra in lizza poiché, tra le sue tante colonne poste all’entrata, ne presenterebbe una davvero molto… Infernale.

La colonna in questione si differenzia da tutte le altre per via di due grandi ed insoliti buchi alla base. Anche in questo caso, una leggenda ci spiegherebbe il misfatto. Si racconta, infatti, che sia stato proprio il demonio a provocare quei due fori profondi.

Sembrerebbe che il diavolo, dopo aver chiesto più e più volte a Sant’Ambrogio di rinunciare alla sua missione eucaristica senza però ottenere alcun risultato, preso da un impeto di rabbia prese la rincorsa per incornarlo, ma per fortuna Sant’Ambrogio ebbe la meglio. Il Santo riuscì a scappare, e il demonio finì con l’incornare soltanto una delle colonne all’ingresso della Basilica, ossia quella nella quale rimase impigliato.

Colonna Sant'Ambrogio.jpg

Ecco i due grossi fori che, secondo la leggenda, sarebbero stati provocati dal demonio. L’unica cosa certa è che decine di esperti abbiano provato per anni a spiegare i reali motivi e le modalità tramite le quali questi buchi sarebbero stati creati, ma fino ad oggi ogni risposta è stata vana…

La chiesa di San Bernardino alle Ossa

San Bernardino alle Ossa.jpg

Un macabro particolare della chiesa di San Bernardino alle Ossa

Si trova esattamente in piazza Santo Stefano, nel pienissimo centro della città e alle spalle del maestoso Duomo di Milano. Apparentemente, sembrerebbe a tutti gli effetti una chiesa più normale, molto accogliente e anche ben tenuta. Tuttavia, in una particolare cripta della Chiesa di San Bernardino alle Ossa sappiamo essere conservati oltre 600 teschi, alcuni scheletri, e centinaia di altre tipologie di ossa. Anche per questo, la Chiesa di San Bernardino alle Ossa rientra a piè pari tra le cinque attrazioni da visitare a Milano in questo giorno tanto particolare.

Sotto all’altare della chiesa, infatti, all’interno di una cripta, potrete trovare ben 600 teschi, probabilmente corrispondenti ad alcuni dei morti sterminati dall’epidemia di lebbra del 1600. Ma non è tutto. Nella stessa cripta, troverete inoltre anche centinaia di ossa esposte lungo le pareti, appartenute quasi sicuramente ai morti dell’ex ospedale di San Barnaba in Brolo.

Non stiamo parlando soltanto di vittime della peste, dunque, ma anche di cadaveri traslati da numerosi cimiteri seicenteschi soppressi. I teschi che vedremo posti più in alto, invece, sappiamo essere quelli dei condannati a morte dell’epoca. Ovviamente, non sappiamo a chi appartengano davvero quei resti: mandibole, tibie, teschi e femori son anonimi.

La cosa veramente terrificante della chiesa di San Bernardino alle Ossa, però, è un’altra: ogni anno, il 2 di novembre, le reliquie di una bambina, conservate nella cripta, prendono vita. Si dice che si mettano a ballare, che si animino e invitino tutti i teschi vicini a fare altrettanto.

Se non ci credete, vi basterà passare dalla chiesa di San Bernardino alle Ossa il 2 di novembre. Andate voi stessi a controllare, e poi fatemi sapere.

San Bernardino alle Ossa - Particolare.jpg

Un particolare della chiesa di San Bernardino alle Ossa

E voi come passerete Halloween? Conoscevate tutte queste leggende terrificanti legate ad alcuni dei luoghi di culto più importanti di Milano città?

Una risposta a “Halloween: 5 luoghi spettrali da vedere a Milano

  1. Quanto mi piacciono queste storie inquietanti! Ormai sono in ritardo per organizzare Halloween a Milano, ma sono in tempo per il prossimo anno.
    Non conoscevo la curiosità della facciata del Duomo, e soprattutto non sapevo del Jack lo Squartatore meneghino: a Londra avevo fatto il tour a piedi sulle tracce di The Ripper ed era stato davvero interessante (e inquietante). Però la cosa più terrificante per me è Gesù con le corna da diavoletto!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.