NOVEMBRE – Un mese di viaggi e scoperte

Di cose viaggiando se ne imparano sempre moltissime.

Questo mese, in particolar modo, ho avuto la fortuna di viaggiare tutto il tempo in posti che per prima cosa ci tenevano a farmi capire “cosa” fossero davvero.

E ora, a Milano per un po’, ho finalmente tutto il tempo di raccontar bene bene anche a voi quanto ho vissuto fino ad un paio di giorni fa.

Leggi l'articolo →

TOP THINGS TO DO IN NICE – And no regrets.

As you already know, I spent my birthday in Nice last week. I turned 23 in one of the most amazing city in the South of France, in the French Riviera, and I’m so happy I did.

In my last post I wrote about how this trip has been important to me, because it helped me a lot to find again the Claudia I always would to be. Today, I’ll explain you what you should definitely do and visit in Nice, if you really want to enjoy the city life!

Here’s my top things to do in Nice! And no regrets.

Leggi l'articolo →

BIRTHDAY WHILE TRAVELING SOLO! – Back from Nice

“But now what my trip will become? I too carefully studied without knowing anything. Unforeseen is the only hope. But they tell me is too fool to say”.

So, thank you so much Nice. I took the right choise coming visiting you for my birthday. I turned 23 and I had 2 days full of “unforeseen”, who complitely took me back to the Claudia I always would to be.

Leggi l'articolo →

DI COSA MI STAVO OCCUPANDO IERI? #PodereMadonnina

Ieri vi ho fatto un po’ di spoiler: ho pubblicato su Instagram una foto speciale, chiedendo proprio a voi che mi seguite sempre con tanto affetto di indovinare di cosa mi stessi occupando.

Purtroppo nessuno ha dato la risposta esatta, ma siete stati in tanti ad avermi espresso il vostro interesse nei confronti di quello scatto fotografico particolare, e allora…

Eccomi pronta a spiegarvene qualche dettaglio in più!

Leggi l'articolo →

ARRIVA L’INVERNO NEL MONTANA – U.S.A

Sarà che sta iniziando davvero a fare freddo, sarà che in qualche vetrina già si sente e si osserva emozionati il clima Natalizio prendere forma, ma io proprio stamattina riflettevo a proposito di tutti i miei sogni invernali ancora irrealizzati. Non ci avevo effettivamente mai pensato attentamente prima d’ora, ma mi sono accorta questi miei desideri ancora da esaudire siano veramente moltissimi.

Così, tra una pausa e l’altra, volo oltre Oceano con l’immaginazione – e anche un po’ col cuore – e fantastico su uno dei desideri più grandi di tutti: volare per l’inverno negli States! E già penso a quanto mi divertirò nel Montana non appena ci metterò piede.

Leggi l'articolo →

SERBIA DIAMANTE GREZZO D’EUROPA – 5 COSE DA NON PERDERE

“Come mai secondo te siete maggiormente preferiti da un target giovane?” chiedo a Maryia

“Perché i giovani non hanno pregiudizi” mi risponde. “Non so perché. Forse sarà la nostra lingua strana, o le nostre facce o il nostro scrivere in cirillico a spaventarli. Gli adulti intendo. Perché beh, ecco, loro credo abbiano timore della Serbia. Invece, i giovani, sono impavidi e spontanei. Non giudicano e sono tutti amici tra di loro. La mia Serbia è un diamante grezzo. Noi stiamo cercando di lavorarlo e di lucidarlo per bene, ma purtroppo in tanti ancora oggi non ne percepiscono la brillantezza. I giovani, però, sì. Loro hanno il cuore buono”

Leggi l'articolo →

ARTE, MOVIDA E AVANGUARDIA – Una giornata nelle Fiandre

Una terra che mi ha insegnato molto – seppur in poco tempo, c’è da dirlo. Una regione nella quale spero di tornare presto affinché tutto ciò che lì non ho ancora avuto l’occasione di “far mio”, riesca comunque a scoprirsi – un po’ per volta ed in futuro – e a trasformarsi in materiale d’interesse per la me che verrà.

Ho scritto di Gent, Bruxelles e Anversa sul TTG Giornale di questa settimana. Vi posto, dunque, qui sotto il mio personalissimo reportage di viaggio.

Leggi l'articolo →

La Bretagna mi ha riportata a casa.

Così, se la Grecia mi aveva re-insegnato ad essere me stessa, e il Belgio a credere nel “non è mai troppo tardi”, il mio viaggio in Bretagna mi ha insegnato ad amare.

Ad amare me stessa un po’ di più, e anche gli altri, ma in modo incondizionato e sincero. Ad amare anche la vita, e a ricordarmi di volerla vivere davvero giorno per giorno, e sempre col sorriso e con la grazia nel cuore, capace di credere nel potere del bene sempre.

La Bretagna mi ha insegnato ad amare i Francesi, e anche i Bretoni addirittura di più, che se anche prima di partire avevo paura che la convivenza forzata ci avrebbe distrutti ho invece imparato che è stato esattamente l’opposto.

Ad amare la tranquillità che in Bretagna sembra esistere ovunque, coi suoi chilometri di campi coltivati e di mucche al pascolo quasi a ricordarti che il Paradiso esiste e non è irraggiungibile. Ad amare le cose semplici, perché in Bretagna son quasi tutti contadini oppure pescatori e va bene anche così. Ad amare gli sconosciuti che decidono di chiederti chi sei e che vogliono raccontarti la loro vita, come lo strano Parigino incontrato sulle sponde di Saint Suliac.

E poi, la Bretagna, mi ha insegnato ad amare di più casa mia.

Leggi l'articolo →