DI COSA MI STAVO OCCUPANDO IERI? #PodereMadonnina

Ieri vi ho fatto un po’ di spoiler: ho pubblicato su Instagram una foto speciale, chiedendo proprio a voi che mi seguite sempre con tanto affetto di indovinare di cosa mi stessi occupando. Purtroppo nessuno ha dato la risposta esatta, ma siete stati in tanti ad avermi espresso il vostro interesse nei confronti di quello scatto, e allora eccomi pronta a spiegarvene qualche dettaglio in più proprio oggi…

Can you guess what I'm working on, for the day? ✨🍁❤ #PodereMadonnina

A post shared by Claudia Cabrini (@clacabrini) on

 

Quello qui sopra non è Lagdei come alcuni hanno ipotizzato, ma bensì uno splendido scorcio di uno dei parchi più belli di Rennes, città “capitale” della Bretagna – nel Nord della Francia – che ho avuto la fortuna di visitare a Settembre.

Ma cosa c’entra tutto questo con me?

Anzitutto, e ve ne avevo già parlato anche in un post precedente, la Bretagna mi ha riportata a casa. Nonostante la mia coinquilina Valentina mi avesse anticipato la cosa (“Non vorrai più tornare” mi aveva infatti detto!) non le avevo poi creduto tanto, e infatti mai mi sarei aspettata che la Bretagna sarebbe davvero stata capace di prendermi tanto. Invece, è proprio ciò che è successo!

Ad oggi, considero Rennes una delle città più belle che abbia mai visitato. Perché ti riporta indietro nel tempo, ma ti fa sentire in un mondo totalmente parallelo e moderno e contemporaneo al tempo stesso. Una sensazione strana (e anche difficilmente spiegabile a parole) che ancora riesco a provare ogni volta che socchiudendo gli occhi io mi immagini nuovamente là: in centro storico, seduta in un parco zeppo di colori e di fiori profumati, a sorseggiare tè verde e a nutrirmi di baguette croccanti farcite con burro e marmellata di ciliegie.

Rennes non è una metropoli fatta di palazzoni e di mura grige, ma una grande città che talvolta più assomiglia ad un gigante paese. Le persone che ho incontrato mi hanno colpita moltissimo. Mi hanno sempre sorriso, e avevano sempre una storia interessantissima da raccontare, oltre che anche un buon caffè da offrirmi (caffè vero, come quello italiano, intendo!).

Vi ricordate il film con protagonisti Claudio Bisio e Alessandro Siani “Benvenuti al Sud”?

Ebbene, sono certa che già lo sappiate ma, ecco: quello non è stato altro che un adattamento cinematografico del film francese “Benvenuti al Nord”. La calorosità, la simpatia e anche il circondario di pregiudizi che ahimè avvolgono troppo spesso il nostro Sud Italia, sono esattamente il parallelo della Bretagna, al Nord della Francia. Insomma, se a voi stanno un pochino stretti i Parigini capaci di farti smorfie anche se il tuo è un francese perfetto, sarà impossibile che altrettanto mal sopportiate il popolo Bretone – sempre caloroso, ospitale e ricco di usi, costumi e tradizioni centenarie che non vedranno l’ora di illustrarvi nei minimi dettagli.

Anche a seguito della mia trasferta Bretone di Settembre, ho avuto modo di instaurare diverse amicizie a Rennes, e con esse, nuove collaborazioni molto interessanti con alcuni Blogger del posto e non solo. Ieri, infatti, mi stavo occupando di Rennes proprio perché Podere Madonnina sta per firmare una collaborazione esclusiva (e molto speciale) con un importante partner rennese, che non vede l’ora di far scoprire anche a voi qualche curiosità in più su di una delle regioni più interessanti di tutta la Francia!

Per il momento, non posso rivelarvi nient’altro. Ma vi assicuro che se continuerete a seguirmi come fate con affetto ogni giorno, ne scoprirete presto molto molto di più anche voi.

Già che ci sono, però, approfitto di questo post anche per un motivo ulteriore: quello di farvi scoprire qualcosa su Rennes… immediatamente!

Ecco allora 5 cose da visitare a Rennes ASSOLUTAMENTE (o, se preferite, 5 buone ragioni per cui il vostro prossimo viaggio dovrebbe vedere Rennes come destinazione!)

LA PLACE DES LICES 

Inizialmente si trattava di un campo da battaglia, e con “inizialmente” intendo nel lontanissimo medioevo! Proprio al centro della piazza infatti si organizzavano giostre e spettacoli per dame e cavalieri. Il nome “Lices” venne dato alla Piazza nel 1337, a seguito (e grazie) al primo combattimento ufficiale tenutosi in loco, che venne vinto da Bertrand Du Guesclin. L’attuale Place des Lices è una della piazze principali della cittadina di Rennes, e ad oggi è anche conosciuta come una delle più… care. Circondata da ristoranti, hotel e negozi di lusso, Place des Lices è infatti il luogo ideale per alloggiare nel caso ci si voglia svegliare ogni mattina nel cuore della Rennes più vera.

Dal 1622 ad oggi, ogni Sabato Place des Lices accoglie anche il famosissimo “Marché du Lices”, letteralmente “Il mercato di Piazza des Lices”. Un vero e proprio exploit di profumi, colori e sapori, oltre che il Mercato più antico e rinomato di tutta Rennes.

Come consigliano i più saggi, vietato non farvi tappa. E, soprattutto, vietato resistere al richiamo della Galette Sausice, tipicissimo finger-food Bretone che ovviamente io ho provato e che vi assicuro sia buonissimo!

Questo slideshow richiede JavaScript.

PARC DU THABOR

Si tratta del Parco nel quale ho scattato la fotografia che ho postato ieri su tutti i miei Social, e personalmente per me è proprio il Parc du Thabor uno dei più belli che abbia mai visto. Elegante e molto romantico, il Parc du Thabor era originariamente legato all’abbazia benedettina “Saint Melaine” ed è stato originariamente curato e studiato nei minimi dettagli da uno dei più grandi paesaggisti francesi del XIX secolo: Denis Buhler. Si estende per più di 10 ettari con aree curate in stile francese, un giardino all’inglese, diverse grotte, numerosi chioschi musicali, e un roseto che conta oltre 2000 varietà di rose differenti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

LES CHAMPS LIBRES

Come vi ho scritto anche un po’ più su, a Rennes si respira un’aria molto particolare. Non ci si sente infatti in una grande città o in una metropoli, anche se a tutti gli effetti Rennes lo è. Bensì, sembra quasi di andar indietro nel tempo, tra vicoli colorati e Abbazie antiche. Però, ogni tanto, un po’ di modernità la si trova. Quasi inaspettatamente. E forse anche per questo colpisce ancora di più. Come, ad esempio, Les Champs Libres, costruzione innovativa firmata dall’architetto Christian de Portzamparc proprio nel pienissimo centro della città di Rennes. Al suo interno, mostre ed esposizioni si danno il cambio di tanto in tanto. Un vero e proprio centro di arte, contemporanea e moderna, culturale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

IL PARLAMENTO DELLA BRETAGNA

Ideato da Salomon de Brosse, il Parlamento della Bretagna fu distrutto e poi ricostruito a seguito di un tragico incidente: l’incendio del 1720, che lo bruciò ma non interamente, e lo vide rinascere dalle sue ceneri solo nel 1994. Ad oggi, è proprio questo uno dei luoghi storici più importanti di Rennes, anche grazie ai magici dipinti e affreschi del XVII secolo che riuscirono a restare intatti a seguito dell’incendio, e che quindi sono ancora originali e ammirabili come opere più uniche che rare. Al suo interno, imperdibile una visita alla Grand’Chambre, con decori veramente eccezionali.

Questo slideshow richiede JavaScript.

LA CATEDRALE SAINT-PIERRE

Anche questo è uno dei luoghi tipici di Rennes – storico e coinvolgente al tempo stesso – a cui è impossibile negare una visita. Si tratta ancora di una Cattedrale, la Cattedrale Saint Pierre, che ho avuto il piacere di visitare e che mi ha lasciata veramente a bocca aperta. Anch’essa venne distrutta da un incendio, e per questo venne ricostruita in pochissimo tempo nel medesimo anno. Riaprì al pubblico a partire dal XIX secolo, e per fortuna nonostante l’incendio che la colpì, vide tutti gli affreschi restare illesi. Aperta e visitabile ad ingresso libero tutti i giorni, a partire dalle ore 9:30 del mattino fino a mezzogiorno, e dalle 15:00 alle 18:00.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci